Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

03/04/2020

News

2 minuti

Ansia da social network? Non si misura con le ore online

Pubblicati i risultati di uno studio su migliaia di teenager

03/04/2020

Quanto tempo passano gli adolescenti sui social network? Sicuramente molto e sempre di più. Alcune stime parlano di un incremento del 62,5% dal 2012 a oggi, generando spesso preoccupazioni sia tra i genitori sia di chi si occupa della loro salute mentale, soprattutto perché rimanere sempre connessi e in una relazione virtuale con altri potrebbe generare nei giovani ansia e depressione.

Uno studio pubblicato recentemente su un’importante rivista scientifica ha affrontato l’argomento coinvolgendo 500 ragazzi, che sono stati seguiti dai 13 ai 20 anni monitorando le loro attività online e misurando con appositi questionari la loro salute mentale. Il risultato è stato però sorprendente: il tempo trascorso sui social non sembra essere direttamente collegato a un maggior rischio di sintomi ansiosi e depressivi. E questo porta a ipotizzare che il tempo trascorso online sia un parametro troppo semplice per comprendere veramente l’influenza dei nuovi media in una fase delicata dello sviluppo come l’adolescenza.

"Per la maggior parte dei ragazzi non è una semplice questione di tempo: due teenager potrebbero rimanere connessi lo stesso numero di ore, ma usare i social network in modo molto diverso tra loro, con risultati differenti”, ha spiegato Sarah Coyne, ricercatrice della Brigham Young University che ha collaborato alla ricerca.

È plausibile in ogni caso che un uso improprio dei social network possa creare qualche problema nei più giovani. È per questo che Coyne e colleghi hanno dato alcune semplici raccomandazioni per  limitare gli effetti negativi sulla mente delle interazioni online. La prima è partecipare in modo attivo: non limitarsi a “scrollare” passivamente ciò che postano gli altri, ma commentare e mettere like, oltre a caricare in prima persona dei contenuti. Inoltre, sarebbe meglio interagire con i social media con una certa motivazione. Infine, una misura di igiene del sonno: interrompere l'uso dei social media almeno un'ora prima di addormentarsi. Dormire a sufficienza è uno dei fattori più protettivi per la salute mentale.

 

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0747563219303723?via%3Dihub

https://news.byu.edu/intellect/does-time-spent-on-social-media-impact-mental-health-new-byu-study-shows-screen-time-isnt-the-problem

Altri Articoli da "News"