Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Fattori di rischio del disturbo depressivo persistente

Sono la familiarità per disturbi dell'umore e la perdita o separazione dai genitori durante l'infanzia

Fattori di rischio sono la familiarità per disturbi dell'umore e la perdita o separazione dai genitori durante l'infanzia.


Si è osservato che alcuni fattori influenzano in maniera negativa il decorso della malattia: livelli più alti di nevrosi (affettività negativa: tendenza a "vedere tutto nero", pessimismo), una maggiore gravità dei sintomi, più povero funzionamento globale (ad esempio la persona non riesce ad essere brillante, ad avere buone prestazioni nella sfera sociale e lavorativa) e la presenza di disturbi d'ansia o disturbo della condotta.

È stato osservato che il circuito cerebrale che coinvolge la corteccia prefrontale, cingolo anteriore, amigdala e ippocampo è implicato nello sviluppo del disturbo depressivo persistente.

 

Vuoi saperne di più sul trattamento del disturbo depressivo persistente?

 

Altri Articoli da "Enciclopedia"