Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Un prodotto Angelini

Obiettivi e strategie dei percorsi di riabilitazione

Gli obiettivi riabilitativi devono essere personalizzati e adeguati al paziente, per questo prima di iniziare un percorso è opportuno identificare...

Gli obiettivi riabilitativi devono essere personalizzati e adeguati al paziente, per questo prima di iniziare un percorso è opportuno identificare:

  • Le risorse personali e familiari
  • Il suo modo di relazionarsi con il proprio mondo interno
  • Il suo modo di interagire con l'ambiente e con gli altri

Le strategie riabilitative prevedono interventi ben strutturati e validati a diversi livelli:

  1. Intrattenimento (livello base di partenza)
  2. Livello sociale e interpersonale
  3. Livello lavorativo

Negli ultimi anni si è particolarmente sviluppato il filone della "cognitive remediation" (rimedio cognitivo), le cui tecniche di intervento sono supportate da robuste evidenze cliniche e neurobiologiche.3 Questi interventi si pongono l'obiettivo di migliorare i deficit cognitivi che inficiano i risultati del percorso riabilitativo psicosociale.

Sviluppare le funzioni cognitiveTali funzioni cognitive sono soprattutto la memoria, l'attenzione, la concentrazione e le funzioni esecutive (le funzioni che permettono di pianificare e organizzare strategie e obiettivi) e sono alla base dell'autonomia e della qualità della vita. Le tecniche consistono in esercizi di difficoltà progressiva, mirati a promuovere anche la resistenza allo stress ambientale.

Diversi studi hanno dimostrato che al risultato clinico visibile, si associa anche una maggiore plasticità neuronale, si verificano cioè dei meccanismi compensativi a livello cerebrale, grazie ai quali gruppi di neuroni "imparano" a svolgere nuove funzioni.

Scopri le ulteriori tecniche riabilitative

Altri Articoli da "Approfondimenti"